LA CUCINA DEL PAESE DI CUCCAGNA

 

E’ stato presentato a Napoli, presso i magazzini Fnac di via Luca Giordano, il nuovo libro di Loredana Limone, dal titolo “La cucina del Paese di Cuccagna – Passeggiate gastronomiche con Matilde Serao”. L’incontro è stato condotto dalla giornalista Agnese Palumbo, con interventi dell’attore Sasà Trapanese.

Il Paese di Cuccagna è Napoli, città passionale e solare con un pesante fardello di contraddizioni: dalla sordida miseria del popolo che dimora dove anche il sole ha ripugnanza ad entrare, al lusso che la borghesia ostenta onorando il culto della parvenza che è tipico del Mezzogiorno. Su questo palcoscenico di fine ’800, più che altrove, si avverte nell’aria che la cucina s’innesta nella vita, non solo come una necessità materiale, ma come la più immediata, la più schietta espressione di una fantasia esuberante, intensa ed estrosa. Matilde Serao, nelle vesti d’impeccabile anfitrione, ci accompagna in una passeggiata gastronomica, interessante ed a tratti conturbante, che inizia nei vicoli scuri e termina in case luminose, facendoci “assaggiare” dapprima i cibi che il popolino acquista per uno o due soldi, pietanze misere e piccanti che ingannano lo stomaco, poi i maccheroni insanguinati da carnosi pomodori, quindi le immortali pizze che hanno ispirato principi e re, fino all’ampia varietà dei dolci napoletani creati nel silenzio di antichi conventi.

“Quasi nulla è rimasto della Napoli di allora. – osserva Loredana Limone – Solo nei quartieri popolari, dove le tradizioni sono più radicate, si avverte ancora qualche aroma che rimanda alle atmosfere dell’Ottocento, ma l’affresco dipinto da Matilde Serao è irrimediabilmente scomparso. I repentini cambiamenti della città appaiono ancora più evidenti a chi non la vive ogni giorno, ma la rivede a lunghi intervalli.”

 

Marco di Mauro